Dicono di noi

  • Ottaviano, la "cura" del palcoscenico

    chiaiamagazine.it

    L'esperienza dell'Accademia vesuviana del Teatro spiegata dal maestro Gianni Sallustro Gianni Sallustro (nella foto), 41 anni: per lui il teatro è un modo di vivere. Attore per passione e vocazione da quando, appena undicenne, inseguiva già il suo sogno, percorrendo 4 chilometri a piedi per raggiungere la compagnia teatrale “Il Bagherozzo” di San Giuseppe Vesuviano. Poi, dopo il diploma al liceo classico di Ottaviano, ha continuato la collaborazione con la compagnia, lavorando contemporaneamente per alcune produzioni Rai e accumulando esperienze con grandi attori e registi. È stato al fianco di Massimo Ranieri, Marina Suma, Glauco Onorato e ha lavorato con registi del calibro di Antonio Calenda, Emma Dante, Antonio Capuano e Michele Del Grosso. La sua formazione è variegata: ha frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica del teatro Politeama di Napoli, ha un diploma di Mimo corporeo, una qualifica da Clown Therapist ed è Maestro internazionale di Commedia dell’arte. Oggi partecipa alle tournée di Dario Fo e Antonio Fava in giro per l’Europa, ha la cattedra di Training Attoriale presso l’UPAM (Università Popolare Arte e Musical) con sede a Pompei, ed è iscritto alla facoltà di Scienze dell’Educazione e della Formazione di Chieti, con indirizzo in Management del capitale umano. ...

    Scarica allegato

  • Gianni Sallustro: Cultura e Legalità all'Accademia Vesuviana di Teatro

    teatro.org

    Non è solo un luogo dove vengono impartite (peraltro egregiamente) nozioni di arti sceniche, ma anche una comunità dive i giovani ritrovano la possibilità di crescere culturalmente ed umanamente, allontanandosi dai pericoli ambientali che minano la loro integrità morale e la loro appartenenza alla legalità, questo è l’ Accademia Vesuviana di Teatro, fondata e diretta ad Ottaviano, in provincia di Napoli, dall’attore Gianni Sallustro,, da anni apprezzato interprete di teatro (con, tra gli altri, Calenda e Del Grosso)e televisione (“I Cesaroni”, “La Squadra”, “Un medico in famiglia” e “Carabinieri”) alla luce del riconoscimento ottenuto dalla Polizia di Stato, consegnato nel corso di una cerimonia ufficiale lo scorso 26 maggio al Regio Teatro San Carlo di Napoli con la seguente motivazione: “Per l’alto valore sociale e per l’impegno profuso nel diffondere la cultura della legalità attraverso progetti di teatro , di musica e danza; centro di aggregazione per i giovani che, attraverso l’arte e con la realizzazione di spettacoli, diventano testimoni di una società più giusta e libera dalla violenza, diffondendo i valori di giustizia e coraggio sia nella loro terra, che nei centri di giustizia minorile.” ...

    Scarica allegato

  • “TUTTA COLPA DELLA GELOSIA” SEI SERATE DI TEATRO A POMPEI

    ilbrigante.it

    I giovani del maestro Sallustro si esibiranno per sei serate , tra il 9 Luglio e il 15 di luglio al teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei . Grande soddisfazione la scritturazione di quattro allievi nella fiction Rai “Un posto al sole”. L’Accademia Vesuviana del Teatro e del cinema di Gianni Sallustro con sede ad Ottaviano festeggia il 5° anno di attività con sei speciali serate di teatro,musica e danza. Il teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei si prepara ad accogliere il ricco cartellone di eventi speciali della rassegna “Tutta colpa della gelosia”. Negli eventi serali, programmati per le ore 20,30 dal 9 Luglio al 15 Luglio 2012, gli allievi dell’Accademia metteranno in scena alcune fra le più divertenti e gustose commedie della tradizione teatrale napoletana nonché alcune tra le opere più importanti del teatro italiano e francese Si comincia lunedì 9 Luglio con “Chi dice uomo dice danno “di Feydeau –gruppo di recitazione Junior , per proseguire il 10 Luglio con lo spettacolo “ Il berretto a sonoagli “ di Pirandello gruppo adulti “(regia di Gianni Sallustro ). Martedì 11 Luglio , invece, sarà la volta di “Un equivoco di troppo “ di Burani, regia Gianni Sallustro ( a cui si ispiro’ Scarpetta per “ I nipoti del sindaco””. ...

    Scarica allegato

  • Ottaviano. III Rassegna teatrale per l’Accademia Vesuviana del Teatro. Gran debutto con gli under 12

    laprovinciaonline.info

    Saviano/Ottaviano. E’ stato dato il via ieri sera alle 20,30 presso l’Auditorium di Saviano la terza rassegna teatrale, che chiude le attività dell’ Accademia Vesuviana del Teatro di Ottaviano per l’anno accademico 2009-2010. In scena con la compagnia “ Il cappellaio matto” , gli allievi under 12 con la partecipazione degli allievi del corso di danza classica e della scuola di canto. Uno spettacolo che ha lasciato il pubblico presente entusiasto per la bravura dei giovanissimi artisti. Lo spettacolo ha preso il via con un prologo d’eccezione dove un triste Pulcinella ha interrogato i presenti sul vero significato dell’amore il tutto con la preziosa presente della sua Colombina. Un prologo intervallato dalla straordinarie canzoni che hanno fatto la storia della musica partenopea. A seguire l’atto unico, liberamente ispirato a quei figuri di tanti anni fa , scritto da Eduardo De Filippo nel 1929 ed inserito dall’autore nel gruppo di opere da lui chiamato. Racconta una serata nel "circolo della caccia", nome fittizio che serve da copertura per una casa da gioco clandestina, gestita da don Gennaro Fierro (detto "punto e virgola"; soprannome, questo, affibbiatogli "affettuosamente dai compagni di galera"). Mentre fervono i preparativi per una serata di gioco, arrivano don Gennaro Fierro e un altro uomo, Luigino Poveretti. Quest’ultimo viene istruito dal gestore del "circolo" per fare il nuovo "palo", per aiutarlo, cioè, a vincere passandogli le carte, sollecitato da opportuni segni concordati tra i due. personaggio chiave nella bisca è colui che ha il compito di trovare giocatori inesperti da utilizzare come "polli da spennare". Uno di questi è l’avvocato Peppino Fattibbene, che durante la stessa serata viene portato al circolo. La casa da gioco è frequentata anche da altri personaggi. uno di essi è Scuppetella, un altro è Scamuso. I 2 sono amici, anche se il loro rapporto è caratterizzato da una forte rivalità nel gioco d’azzardo. Quando il gruppo dei giocatori è completo, arriva la notizia che sta arrivando la polizia. All’arrivo della polizia, guidata da un severo delegato, non ci vuole molto a smascherare la bisca, grazie alle rivelazioni di Luigi Poveretti. Come potete vedere dalle immagini. Gli appuntamenti sono per questa sera, domani Giovedi 17 giugno e gran finale per Martedi 22 Giugno. La cornice è sempre la stessa, lo straordinario Aurditorium di Saviano e lo spettacolo è garantito. L’accademia nasce dall’idea di due eclettici artisti (un attore ed un musicista) il cui obiettivo è quello di creare un punto di incontro e confronto per i giovani dell’area vesuviana. da qui la collocazione in §Ottaviano, la cui fame di teatro e di arte in genere ha fatto da sfondo alla nascita dell’ Accademia Vesuviana del Teatro nell’Ottobre 2007. I ragazzi hanno lavorato all’accademia seguendo corsi di dizione, training attoriale, respirazione,storia del teatro, mimo corporeo, danza, canto e musica, metodo grotovsky e stanislavsky, decodifica del testo e dei personaggi, improvvisazione e lingua inglese. Il tutto spinti senza dubbio dalla forte passione verso le discipline artistiche ma soprattutto guidati con grande professionalita’ ed impegno da 2 eccellenti insegnanti, i 2 direttori artistici Gianni Sallustro e Rosario Vitiello. Gianni Sallustro, regista degli spettacoli, è maestro internazionale di commedia dell’arte, diviso tra palcoscenico e televisione, al fianco di artisti del calibro di Dario Fo’, Massimo Ranieri, Monica Guerritore, Marina Suma, Antonio Fava, Roberto De Simone e numerosi altri. Attore in Un Posto al Sole, Carabinieri, La Squadra, un Medico in famiglia, i Cesaroni, la Piovra. Rosario Vitiello, direttore musicale, maestro di violino diplomato presso il conservatorio di musica “S. Pietro a Majella” di Napoli, esperto di composizione e direzione di musiche per film, collaboratore fra l’altro dei teatri di Napoli San Carlo, Augusteo, Trianon, Instabile, nonche’ del Teatro Verdi di Salerno,dell’accademia di Santa Cecilia in Roma, dell’Istituto Universitario Suor Orsola Benincasa e dell’Università Federico II di Napoli e dell’Università di Salerno. Due grandi risorse che si avvalgono della collaborazione di esperti nel campo teatrale e delle arti in genere come la coreografa Tiziana Nunziata. L’obiettivo dell’accademia è, infatti, quello di avvalersi di tante e diverse esperienze di livello internazionale per scovare giovani talenti nell’area vesuviana e accompagnarli fino ai casting organizzati da rai e mediaset, senza l’intermediazione delle agenzie. un progetto importante ed ammirevole che nasce dall’impegno di promuovere le grandi professionalità artistiche e tecniche della nostra terra e dall’obiettivo di formare giovani leve di artisti a tutto tondo. e non a caso lo scorno anno l’accademia ha annunciato la scritturazione di 4 dei propri allievi per la fiction “ un posto al sole”. insomma un vero e proprio traguardo dopo soli pochi anni di vita!

  • Saviano - "Volti nuovi per "Un posto al sole"

    informazione.campania.it

    L’Auditorium di Saviano si prepara ad accogliere il ricco cartellone di eventi speciali organizzati dall’Accademia Vesuviana del Teatro di Ottaviano che per l’occasione presenterà al pubblico quattro volti nuovi delle puntate autunnali di “Un posto al sole” nati dai propri corsi di recitazione. Negli eventi serali, programmati per le ore 20.30, gli allievi dell’Accademia non solo metteranno in scena alcune fra le più divertenti e gustose commedie della tradizione teatrale napoletana di Eduardo Scarpetta, ma si esibiranno anche in coreografie di danza classica e spettacoli musicali. Si comincia mercoledì 1 luglio con "’O Miedeco d’e pazze", per proseguire Sabato 4 con lo spettacolo-evento "Favolando", che vedrà protagonisti bambini di talento che si cimenteranno sia nella recitazione che in coreografie di danza classica. Domenica 5 sarà la volta di “Miseria e nobiltà”. L’11 Luglio l’evento conclusivo “Tre Pecore Viziose”, con gli allievi Adulti del Corso di Drammatizzazione. Uno straordinario successo per i due direttori artistici dell’Accademia: Gianni Sallustro, regista degli spettacoli, “Maestro Internazionale di Commedia dell'arte”, diviso fra palcoscenico e televisione, al fianco di artisti del calibro di Dario Fo, Massimo Ranieri, Giuseppe Patroni Griffi, Monica Guerritore, Roberto De Simone e numerosi altri; e Rosario Vitiello, direttore musicale, maestro di violino e esperto di composizione e direzione di musiche per film, collaboratore fra l’altro dei teatri di Napoli San Carlo, Augusteo, Trianon e Instabile, nonché del Teatro Verdi di Salerno e dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma. Due grandi talenti che si avvalgono inoltre della collaborazione di esperienze di lungo corso nel campo teatrale e delle arti in genere, fra le quali emergono quelle dell’aiuto regista Luca Tarantino e della coreografa Tiziana Nunziata. L’obiettivo dell’Accademia è avvalersi di esperienze di livello internazionale per scovare giovani talenti nell’area vesuviana e accompagnarli fino ai casting Rai e Mediaset, senza l’intermediazione delle agenzie. Una importante impresa che, dice il maestro Sallustro, nasce dall’«impegno di promuovere le grandi professionalità artistiche e tecniche della mia terra e dall’obiettivo di formare giovani leve di artisti a tutto tondo. Gli ultimi risultati delle scritturazioni per Un posto al sole confermano che la dedizione e i sacrifici profusi per far riemergere i talenti di un’area decentrata rispetto al centro cittadino napoletano, quale è quella vesuviana, sta finalmente dando i meritati frutti».

In scena